Didattica

In questa sezione sono elencati gli insegnamenti del Master relativi all’Anno Accademico 2016/2017.

Gli insegnamenti previsti sono:

Elenco insegnamenti a.a. 2016/2017 

Gli iscritti, dopo aver raggiunto i 46 CFU relativi alle lezioni in aula, devono sostenere la prova finale equivalente a 1 CFU.

La prima parte della prova, la più consistente e significativa, sarà costituita dalla traduzione di un testo in lingua inglese di un autore postcoloniale noto al candidato in quanto oggetto di studio e/o esercitazione traduttiva durante le lezioni del Master. Il candidato potrà scegliere il brano da tradurre dopo che la Commissione esaminatrice avrà comunicato, in sede di esame, i nomi degli autori e i titoli delle opere da cui i testi di esame sono tratti. Verranno comunque proposti: 1) un brano tratto da un romanzo o racconto, 2) un brano tratto da un’opera teatrale, 3) una poesia o un brano tratto da una composizione poetica, 4) un brano tratto da un testo saggistico. La seconda parte della prova consiste nella stesura di un breve commento, indicativamente di lunghezza non superiore alle due cartelle, riguardante aspetti della traduzione svolta dal candidato, quali, ad esempio:

  • Esplicitazione delle ragioni alla base delle scelte traduttive più complesse o significative
  • Commento di alcune scelte traduttive con riferimento allo statuto stilistico dell’originale
  • Considerazioni sulla lingua del testo fonte (lessico, registro, sintassi, morfologia…) con riferimento alle conseguenti scelti traduttive
  • Commento sullo statuto letterario del testo fonte (aspetti narratologici, strutturali, retorici etc.…) con riferimento alle conseguenti scelte traduttive
  • Motivazione delle scelte traduttive in base alla poetica dell’autore
  • Motivazione delle scelte traduttive in base a teorie traduttologiche

Il candidato può liberamente incentrare il proprio commento su uno o più punti fra quelli elencati a titolo di esempio, nonché integrarli con elementi e osservazioni non indicati nelle guidelines ma di cui eventualmente avverta motivata esigenza.

Nel corso della prova, si potrà usare il dizionario bilingue, monolingue, dei sinonimi e contrari. Laddove non sia possibile usufruire del laboratorio multimediale con accesso alla rete, sarà a disposizione il computer del Master per garantire l’uso di internet.

Non si possono consultare appunti, libri o dizionari tematici, enciclopedici, testi teorici o di natura estetica, né in genere testi diversi dai vocabolari.

La prova, cui sarà attribuita una votazione in trentesimi, sarà valutata da una Commissione esaminatrice composta da docenti e traduttori interni o esterni al Master. Indicativamente, la prova di traduzione inciderà per circa il 70% nella valutazione. Il restante 30% della valutazione sarà determinato dalla valutazione del commento.

A conclusione (raggiungimento dei 60 crediti, per un totale di 1500 ore di attività di studio, individuale e guidato), il candidato otterrà il Diploma di Master Universitario di II livello in “Master in Traduzione di Testi Postcoloniali in lingua inglese: narrativa, poesia, teatro e editoria”, rilasciato dal Magnifico Rettore dell’Università di Pisa.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi